HOME / Ristonews / attualit´┐Ż´┐Ż, sondaggi, news


La ristorazione si tinge di Rosa

"Donne e lavoro” è un dibattito che non è mai superato, e che ciclicamente torna a far riflettere sul ruolo femminile nel mondo professionale, sia a livello imprenditoriale che a livello di lavoro dipendente: in un settore trainante per l’economia italiana come è quello della ristorazione, che ruolo ha la figura femminile? Pizza&core vuole approfondire con i lettori questo argomento indagando sul “peso” delle “quote rosa” nel mondo del fuori casa.

La metà delle donne italiane non lavoraquote-rosa-2.jpg
Partiamo da un dato generale: nel nostro Paese il 47% delle donne lavora.
Il resto è inoccupata o per preferenza personale (rimanere casalinga per scelta) o per situazioni non derivanti dalla propria volontà (carenza di occupazione). Questa situazione, dicono gli esperti, è un danno a livello economico: si stima che per quella fetta di donne che non lavora l’Italia rinuncia a 15 punti percentuali di Pil.

Gli esempi virtuosi
Ma non tutte le aree professionali vedono tanta carenza e non tutte le zone d’Italia vedono tanta inoccupazione.
Un esempio virtuoso è quello della provincia di Roma, in cui le imprese femminili sono 96.002; la quota delle imprese con titolare donna sul totale delle imprese romane è pari cioè al 20,1% e, fate attenzione, il settore con il maggior numero di titolari donne è proprio quello facente capo alle attività di “alloggio e ristorazione” con ben 8.957 imprese, in cifre il 9,3% sul totale (dati settembre 2015).

Il lavoro dipendente
In generale i pubblici esercizi fanno eccezione rispetto ad altri settori: sono un comparto in cui c’è ancora richiesta di assunzioni e nella torta dell’occupazione la fetta “rosa” è molto grande: circa sei dipendenti su dieci sono donne. In più, sottolineiamo, a dispetto di quanto si può pensare, è molto più diffuso il contratto a tempo indeterminato (74%), rispetto al contratto di lavoro stagionale che risulta del solo 5,4%.

L’indagcacialli.jpgine di RestOpolis
Sulla presenza delle donne nel mondo del fuori casa, in particolare nel mondo delle cucine dei ristoranti, ha indagato anche il servizio online per la prenotazione restOpolis che ha fatto un suo punto della situazione.
Secondo Almir Ambeskovic, Ceo & co-fondatore di restOpolis, in Italia le donne nelle cucine dei locali sono ancora in minoranza, ma il loro numero sta crescendo nel tempo.
«Questo è importante perché - spiega Ambeskovic - le rappresentanti femminili sono più aperte alle novità e all’innovazione».

Ma è difficile essere donna nel mondo della cucina?
Sembrerebbe di no, secondo molte voci: lo Teresa-Iorio.jpgchef Cristina Bowerman, stella Michelin nel 2010, afferma di aver avuto le medesime difficoltà di chiunque altro; alla stessa stregua Pecsvari, a Milano da 18 anni, partner e sommelier del Bento Sushi e dell’Osteria Brunello, spiega che sia per le donne che per gli uomini ci vuole sacrifico, rigore e disciplina.
Anche nel mondo della pizza le donne stanno aumentando, appropriandosi di un ruolo che nei vicoli di Napoli era già presente nel dopoguerra; fra tutte le pizzaiole ricordiamo la celebre Zia Esterina: «La prima di 21 figli - racconta Gino Sorbillo - mia zia trasmise alla famiglia la sua tenacia; è stata in pizzeria a Napoli fino al 2009». Un cenno e un applauso per la loro bravura va fatto, a conclusione, anche ad altre due donne importanti nel panorama attuale: Maria Cacialli, figlia del mai dimenticato Ernesto , e Teresa Iorio, campionessa del Campionato Mondiale del Pizzaiuolo 2015.

 

Infine, spostandoci dal food al beverage, ricordiamo l’impegno nella filiera Ho.Re.Ca. dell’Associazione Le Donne Dell’Horador.pngeca – ADHOR nata con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il ruolo della donna nel contesto del settore del fuori casa italiano e farlo ad ogni livello coinvolgendo le operatrici del settore, donne dell’industria e della distribuzione, mogli, madri, figlie impegnate in ogni ruolo e mansione, ed infine le donne che operano nel contesto dei pubblici esercizi: ristoratrici, pizzaiole donne beer master etc. Una mission da portare avanti attraverso valori come etica cultura e solidarietà, tre aspetti fondamentali ma spesso dimenticati in un mondo  che corre dietro al business e tuttavia valori molto vicini al mondo femminile.


www.adhor.it



12/04/2016

Torna SU ↑



   Ricette
   LOCALI
RISTONEWS
Attualità, sondaggi, news
Interviste e opinioni
Gestione e legislazione
MONDOPIZZA
Pizzanews
Professione pizzaiolo
Pizza&core
Ricette
RISTORANTI
Professione ristoraro
Ricette
LOCALI D.O.C.
Pizzerie
Ristoranti
Locali serali e bar
FOOD SERVICE
Aziende
Prodotti
BEVERAGE
Aziende
Prodotti
ATTREZZATURE
Aziende e prodotti
Arredi e hotellerie
EVENTI
Fiere
Eventi
Top News
Filo Diretto
Beverage
CONTATTI
PRIVACY - COOKIES

PUBBLICITA'
Feed RSS