HOME / Home / Top News
Nel mondo cresce la voglia di competizione

Quanto sono importanti le gare di pizza nel mondo?
Molto, e lo dimostrano le gare organizzate sia a livello associativo che quelle organizzate dalle fiere con il supporto sempre di molte aziende anche italiane. Le ultime sfide internazionali che hanno fatte parlare di sé sono quelle tenutasi in Spagna e Portogallo e quella tenutasi a Londra.
Il 12 novembre nella fiera Gastronoma di Valenzia s’è tenuto Il Campionato de Pizza Profesional de la Comunitat Valencianaorganizzato da UPIM, associazione presieduta da Antonia Ricciardi; vi hanno partecipato 15 pizzaioli della comunità valenziana e i vincitori sono: Cristian Ezhechiel PierottoRosario MigliarioNicola Zanninello.
Il giorno 19 novembre si è, invece, celebrato a Porto, in Portogallo il campionato All Star Pizza Antonio Mezzero Trophy; hanno partecipato 10 nazioni: Francia, Svezia, Polonia, Spagna, Italia, Portogallo, Argentina, Bulgaria, America, Brasile.
gemignani.pngI vincitori nella categoria pizza “Douro” sono: Radostin Kiryazov (Bulgaria), Vincenzo Capuani (Italia), Fernando Almeida (Portogallo). I vincitori della Categoria “Porto” sono: Tony Gemignano (America) Luis Garces MaldonadoArgentina Pablo Gil (Spagna).
Da Spagna e Portogallo passiamo agli UK con Il Campionato Europeo di Pizza, svoltosi il 14 novembrea Londra nel contesto EPPS (a questa terza edizione fieristica hanno partecipato più di 100 aziende specializzate nel settore pizza e pasta, portando all’esibizione più di 600 marchi). Tornando alla gara, possiamo raccontarvi che c’erano 45 contendenti provenienti da Francia, Inghilterra, Italia, Svezia, Germania e dagli USA. L’evento ha rappresentato la finalissima che ha concluso diverse selezioni all’interno dell’Europa. Ad avere la meglio su tutti è stato un italiano, Antonio Di Tella, giovane pizzaiolo della “Pizzeria all’Angolo” di Massa in provincia di Massa Carrara che ha presentato “Mundina”, una pizza con mozzarella, crema di castagne, ricotta della Garfagnana, lardo di colonnata e granella di castagna. Una pizza dal gusto autunnale.
Vogliamo anche segnalarvi Dave Sommers, membro della squadra U.S. Pizza Team; si è piazzato

 

19°, ma il mondo pizza americano ha festeggiato come fosse il primo posto, con orgoglio. Dave Sommers, comproprietario di Mad Mushroom Pizza in Indiana, ha conquistato la sua onorevole posizione con la sua pizza Balboa, che include salsiccia Italiana fatta in casa, peperoni rossi arrostiti, rucola e gocce di miele. A rappresentare gli Stati Uniti c’era anche Michael LaMarca, proprietario del locale Master Pizza in Ohio e detentore del titolo di Campione di Pizza. LaMarca ha presentato e messo alla prova di assaggio una pizza altamente innovativa, preparata con bacon, spinaci e uova di quaglia fritte. “I giudici hanno adorato i sapori che, hanno affermato, “ricordavano loro la colazione all’inglese!” . 
“La competizione organizzata a Londra è stata professionale e ben concepita. Torneremo il prossimo anno per rappresentare ancora la squadra U.S. Pizza Team” ha commentato Sommers.
Vogliamo ricordare che la squadra U.S. Pizza Team ha a supporto anche sponsor italiani: Galbani ProfessionaleMolini SpigadoroFerrarelle, segno della forza che le aziende italiane hanno nel settore pizza all’estero e sintomo positivo della grande attenzione che esse riservano alla diffusione della cultura pizza anche attraverso gli eventi competitivi.

 

gare-1.jpg


19/12/2018

Torna SU ↑



RISTONEWS
Attualità, sondaggi, news
Interviste e opinioni
Gestione e legislazione
MONDOPIZZA
Pizzanews
Professione pizzaiolo
Pizza&core
Ricette
RISTORANTI
Professione ristoraro
Ricette
LOCALI D.O.C.
Pizzerie
Ristoranti
Locali serali e bar
FOOD SERVICE
Aziende
Prodotti
BEVERAGE
Aziende
Prodotti
ATTREZZATURE
Aziende e prodotti
Arredi e hotellerie
EVENTI
Fiere
Eventi
Top News
Filo Diretto
Beverage
CONTATTI
PRIVACY - COOKIES

PUBBLICITA'
Feed RSS